Il Brasile è pericoloso?

 

Tutto quello che c’è da sapere per viaggiare sicuri in Brasile

Il Brasile sta vivendo un momento storico molto delicato negli ultimi due anni, con la crisi economica e i recenti scandali legati alla corruzione sempre più diffusa che stanno portando a un aumento notevole della criminalità.

Molte persone si chiedono se il Brasile è un paese pericoloso, se sia meglio evitare di visitarlo o come fare per viaggiare sicuri. Proprio per fare un po’ di chiarezza sulla situazione attuale ho deciso di scrivere questo articolo e sviscerare a fondo la situazione.

Inoltre vivendo qui da oltre due anni potrò basarmi sulla mia esperienza diretta oltre che sui dati statistici e la realtà quotidiana dei fatti. Un’analisi approfondita della situazione attuale del Brasile, perché conoscere la verità significa essere consapevoli dei rischi, ma anche evitare sciocche generalizzazioni.

I dati statistici del 2017 sulla violenza in Brasile

Il Ministero della Salute brasiliano pubblica costantemente i dati aggiornati sulla situazione della criminalità e delle morti violente in Brasile, dati che sono da prendere con le pinze e che vanno analizzati approfonditamente.

Secondo le ultime analisi gli stati più pericolosi del Brasile sono quelli del Nord Est, con Natal in testa a questa triste classifica con ben 622 omicidi dall’inizio dell’anno, un aumento di quasi il 30% rispetto al 2016.

Le altre città brasiliane che compaiono ai primi posti sono Belém, Aracaju, Feira de Santana, Vitória, Salvador de Bahia, Maceió, Recife, João Pessoa, Fortaleza e Goiâna, Macapá e Manaus.

Secondo l’Atlas da Violência, una ricerca prodotta dall’Instituto de Pesquisa Econômica Aplicada (IPEA), rispetto al 2005 lo stato del Rio Grande do Norte ha visto il maggio incremento della violenza, circa il 232%. Con circa 44,9 assassinati ogni 100 mila abitanti si piazza prima di Sergipe e Maranhão.

Ovviamente ci sono anche dei dati positivi riguardanti soprattutto gli stati e le città del Sud del Brasile. Infatti tra i 30 municipi più pacifici del Brasile ben 24 di questi sono situati proprio nel Sud-Est.

Per esempio troviamo tra i municipi più sicuri ce ne sono 2 dello stato di Santa Catarina (SC), Jaraguá do Sul e Brusque, ben 5 dello stato di São Paulo, Jaú, Americana, Botucatu, Bragança Paulista e Jundiaí e uno del Minas Gerais, Araxá.

Trova e compara le migliori offerte di Voli

momondo: voli & hotel al miglior prezzo!

Qual è il profilo delle vittime e degli aggressori?

Ecco che questi dati potrebbero venire come sempre mal percepiti, questo perché vanno inseriti nel giusto quadro sociale. Capire la situazione significa riuscire a separare i rischi reali da quelli provocati dalla cattiva informazione, un aspetto fondamentale per un turista che vuole viaggiare informato.

Sempre secondo lo studio dell’IPEA i giovani di sesso maschile sono le principali vittime, con una percentuale di circa il 92% di tutte le morti violente. Inoltre si evince una forte disparità razziale, con oltre 71 persone di pelle nera uccise ogni 100.

Incrociando questi dati con quelli della polizia, nello specifico della Divisão de Homicídios e de Proteção ° Pessoa (DHPP), risulta chiaro un quadro ben delineato.

Secondo il segretario della Segurança Pública e Defesa Social Caio Bezerra, quasi il 70% delle morti violente sono legate al traffico di droga, un problema difficile in Brasile che coinvolge soprattutto gli strati più disagiati della popolazione brasiliana.



Booking.com

Rapine e furti in Brasile

Oltre al problema degli omicidi che sembra interessare una parte specifica della popolazione, persone che vivono in condizioni disagiate dell’interno, prevalentemente di colore nero, giovani e molto povere, il Brasile deve fare i conti con le rapine.

Se il primo problema non dovrebbe preoccupare troppo i turisti la microcriminalità invece già è un fenomeno più rilevante. I furti sono aumentati esponenzialmente in tutto il Brasile, soprattutto nelle grandi città come Rio de Janeiro, San Paolo, Natal, Fortaleza e Salvador de Bahia.

Tra gli “assalti”, come vengono chiamati qui, più comuni ci sono le rapine al semaforo solitamente effettuate da persone in moto, quelle nelle case e negli appartamenti con sequestro lampo e infine quelle in strada, spesso realizzata da bambini.

Consulta o scarica il rapporto ufficiale sulla sicurezza

Formato PDF

atlas_da_violencia_2017

Come interpretare questi dati, il Brasile è veramente pericoloso?

Ovviamente tutte queste informazioni vanno interpretate per farsi un quadro chiaro e nitido della situazione effettiva, per lo più per calcolare un grado di rischio reale per un turista.

Il problema degli omicidi è marginale per un visitante, legato per lo più a vicende di droga e rapine a mano armata a negozi, furgoni portavalori e appartamenti.

Le rapine invece interessano di più i turisti, spesso facile preda di baby gang che approfittano delle loro inesperienze. Non sono insoliti gli scippi per strada, al semaforo, dal finestrino o nei ristoranti poco controllati.

Per lo più la violenza è concentrata nelle grandi città come Rio, Natal e San Paolo, mentre nelle città medio-piccole questo problema è poco visibile se non completamente assente, come ad esempio a Trancoso in Bahia o a Buzios e Paraty nello Stato di Rio.

Ma allora come devo comportarmi, posso andare o no in Brasile ?

Consigli pratici per viaggiare sicuri in Brasile

Naturalmente potete visitare senza problemi il Brasile e godervi delle splendide vacanze, si tratta di un paese meraviglioso che vale sicuramente la pena vedere e scoprirlo.

Quello che dovete fare è prendere alcune precauzioni importanti, per evitare o ridurre al minimo il rischio di incappare in spiacevoli situazioni. Inoltre è importante seguire alcune indicazioni in caso si rimanga vittime di rapine e assalti, ma andiamo con ordine.

  • Evitare zone poco frequentate

Quando si visita il Brasile non bisogna andare in zone poco frequentate e semi deserte, sono proprio i posti più pericolosi. Quindi prendete il vostro taxi, Uber o la metro e raggiungete la vostra destinazione, evitando di iniziare a girare a piedi per vicoli e stradine che non conoscete, oppure che non vi sembrino ben movimentate.

  • Non dare troppo nell’occhio

Questa potrà sembrare una banalità infatti si tratta di un consiglio che viene dato a qualsiasi turista in giro per il mondo. Comunque qui in Brasile è particolarmente importante. Non indossate gioielli, orologi, collane, braccialetti o qualunque altra cosa possa dare troppo nell’occhio.

  • Attenti ai soldi

Naturalmente dovrete avere dei contanti con voi per pagare il taxi, una bevanda al bar o qualsiasi altra piccola spesa, ma evitate di portarvi troppi soldi, massimo 150-200 reais. Inoltre divideteli in varie tasche o in altri posti più nascosti.

  • Attenti al finestrino

Quando vi trovate in auto non tenete i finestrini abbassati ma lasciateli alzati. Tutti veicoli in Brasile hanno un sistema di chiusura delle portiere automatico ma sono comuni i furti al finestrino, soprattutto di cellulari.

momondo: voli e hotel al miglior prezzo

  • Evitate gli autobus

Per muovervi prendete il taxi, Uber oppure la metropolitana ma evitate gli autobus. Oltre a essere difficili da prendere perché tutto è scritto in portoghese sono un posto frequente per assalti e rapine. Inoltre se non conoscete la lingua potreste sbagliarvi e ritrovarvi in zone pericolose.

  • Attenti ai bambini in strada

Sembrerebbe una bestemmia ma purtroppo bisogna stare attenti ai bambini in strada, specialmente se vedete che iniziano a seguirvi da vicino. Solitamente girano in gruppetti di 4-5, sono molto giovani e indossano ciabatte e bermuda.

  • Non perdete di vista la carta di credito

Quando pagate con le carte non perdetele mai di vista, ma richiedete che vi portino la macchinetta al tavolo. Tutti i ristoranti lo fanno e se vi dicono che non possono alzatevi e andate a pagare alla cassa.

  • Non bevete se non siete sicuri

Questo è un consiglio soprattutto per i single o per chi viaggia da solo, non bevete cocktail di cui non siate sicuri della provenienza, può succedere che vi droghino per poi rubarvi tutto. Prendetevi una bella birra chiusa in bottiglia e passa la paura.

  • Attenti nelle stazioni

Tra i posti pericolosi ci sono senza dubbio le stazioni dei pullman, le Rodoviarie, quelle per capirci dalle quali partono le corse per le destinazioni nei dintorni. Arrivate in taxi o Uber e andate dentro, lì non ci sono problemi. In uscita prendete un taxi e recatevi a destinazione.

  • Come comportarsi in caso di rapina

Nel malaugurato caso di un furto non fatevi prendere dal panico, è molto difficile che possa succedere qualcosa a un turista. Non guardate i vostri aggressori dritti negli occhi, date loro tutto quello che vogliono senza compiere gesti troppo bruschi o improvvisi e vedrete che andrà tutto bene.

Fai un preventivo gratuito per la tua assicurazione di viaggio in Brasile!

Conclusioni finali e suggerimenti

Viaggiare in Brasile non è eccessivamente pericoloso ma è necessario prendere alcuni accorgimenti per viaggiare sicuri. La situazione legata alla sicurezza si sta aggravando ma riguarda principalmente la popolazione brasiliana, soprattutto alcune aree difficili e alcuni ceti sociali.

Non fatevi impressionare dai numeri ridondanti che sentite in giro perché io vivo qui da due anni e non ho mai avuto problemi. Però mi sono sempre mosso con cautela, attenzione e cercando di evitare ogni rischio.

Quindi siate prudenti, rispettate un paese che sta vivendo un momento difficile ma che è in grado di offrire una grandissima ospitalità. La maggior parte dei brasiliani sono brave persone, oneste e lavoratore non dimenticatelo.

Per qualsiasi informazione potete contattarmi tramite forum dei commenti o sul mio profilo Facebook, sarò ben felice di aiutarvi e sciogliere ogni dubbio a riguardo. Per il resto visitate questo fantastico paese, sono sicuro che vi stupirà per la sua bellezza.

Approfondimenti e collegamenti

Viaggiare sicuri in Brasile

Vaccinazioni

Le migliori destinazioni del Brasile : itinerari di viaggio

Viaggiare da soli

Amazzonia selvaggia

Il Carnevale di Rio 2018

Related Posts

About The Author

2 Comments

  1. Simone
    ottobre 15, 2017
    • marco
      ottobre 15, 2017

Add Comment